Sicurezza informatica: 5 minacce a cui prestare attenzione nel 2022

  • Diego Gualdoni

image from Sicurezza informatica: 5 minacce a cui prestare attenzione nel 2022

L’importanza della cyber security è cresciuta enormemente negli ultimi anni. La sicurezza informatica oggi è una condizione essenziale per la serenità delle aziende e dei privati cittadini. 

Quali sono i principali pericoli a cui è esposto un dispositivo non protetto nel 2022? 

Cosa sono gli attacchi informatici e come proteggersi

Gli attacchi informatici sono azioni criminali compiute dai cosiddetti hacker. Il loro obiettivo è abbattere le barriere di protezione dei device in modi sempre più sofisticati, per avere accesso a informazioni e dati preziosi. 

Queste attività delinquenziali hanno nella maggior parte dei casi lo scopo di ricattare le persone e le imprese colpite, che devono pagare per riavere i loro dati. In altri casi, i criminali mirano a svuotare direttamente i conti correnti delle vittime, rubando le loro coordinate bancarie. 

Garantire la sicurezza di tutti i computer Windows è decisivo per sventare queste azioni malevole. Soprattutto oggi, munire il proprio Personal Computer di un ottimo antivirus è essenziale per navigare sul web in piena serenità.

Le aziende più rinomate nel campo della sicurezza informatica offrono tante soluzioni di protezione. Queste sono disponibili anche in versione free, con diverse funzioni integrate che garantiscono connessioni sicure, eliminazione di software malevoli e blocco dei siti truffa.

I principali tipi di attacchi informatici 

Gli attacchi alla sicurezza informatica sono sempre più numerosi. I criminali del web usano metodi via via più complessi e silenziosi per fare breccia nei computer.

Ecco le minacce più rilevanti del 2022:

  1. Malware

Il malware è un software capace di compromettere la funzionalità dei dispositivi, che non svolgono più correttamente le loro attività consuete. Uno dei compiti più importanti dei programmi di protezione è la neutralizzazione dei cosiddetti software malevoli. Un efficace antivirus sa eliminare i pericolosi malware.
Fanno parte della categoria dei malware: 

  • Virus e trojan, che per essere eseguiti si agganciano a un programma ospite;
  • Worm e rootkit, che sono invece programmi capaci di essere eseguiti in piena autonomia nel computer ospite;
  • Ransomware, che sono una tipologia di malware che ruba e congela i dati di un dato dispositivo. Il criminale chiede alla vittima un riscatto per avere di nuovo indietro l’accesso ai suoi archivi.
  1. Phishing 

Il phishing è una tipologia di attacco informatico che usa siti truffa per perpetrare danno alle persone. In particolare, vengono creati dei link su cui l’ignaro utente è spinto a cliccare. Questi link possono essere inseriti nel testo di una e-mail o in un sms o in un messaggio su WhatsApp o Messenger. Chi clicca verrà indirizzato su un sito che mira a rubare i dati degli utenti in modo ingannevole.  

  1. Attacchi in cloud 

Molte attività trasferiscono i loro dati in cloud per condividerli facilmente con tutti i dipendenti e avere un rapido accesso alle banche dati. Numerosi fornitori di servizi in cloud però non offrono le adeguate misure di protezione dagli attacchi degli hacker, che possono forare le barriere ed entrare nei vari archivi digitali, trafugando dati preziosi e di fatto bloccando il lavoro di un’azienda.  

  1. Intromissioni nelle connessioni non protette 

Lo smart working è una realtà al giorno d’oggi. Sempre più dipendenti e liberi professionisti svolgono le loro attività da remoto. Per la propria connessione i lavoratori utilizzano talvolta reti Wi-Fi pubbliche non protette. È spesso una comodità potere impiegare la linea presente in un hotel o in biblioteca. C’è però il rischio di connettersi a una rete esposta ad attacchi di criminali, che trovano facili brecce da cui entrare nei computer dei lavoratori o di privati cittadini che usano le rete, ad esempio, di un bar.  

  1. I rischi dell’Internet delle cose

Una delle tendenze che nel 2022 ha trovato ampia diffusione è la presenza in casa degli elettrodomestici connessi alla rete. Si tratta ad esempio di lavatrici intelligenti, di smart TV o di condizionatori collegati al web. Sono in aumento gli attacchi che coinvolgono l’Internet delle Cose, poiché spesso i dispositivi di casa connessi alla rete non dispongono di adeguate protezioni contro gli attacchi.

Buone pratiche di sicurezza informatica 

Internet è la finestra sul mondo, attraverso la quale godere di servizi e di opportunità incredibili. Rappresenta anche una porta di ingresso per malintenzionati che possono trafugare foto, password, codici, PIN e spiare letteralmente ogni attività svolta su un dispositivo. 

Quali sono le azioni da fare per usare i propri dispositivi in modo sicuro?  

  1. Avere un antivirus efficace

L’antivirus è il software che protegge i dispositivi dalle più svariate minacce presenti nel web, garantendo connessioni al riparo dalle azioni dei furfanti del web. 

  1. Usare connessioni sicure 

Le reti Internet senza solidi protocolli di sicurezza sono un grande pericolo, perché sono delle porte da cui gli hacker possono entrare. Per ovviare a questo problema esistono le VPN (Virtual Private Network, ossia Rete Virtuale Privata). I vantaggi di usare una VPN per le proprie connessioni riguardano la possibilità di mascherare il proprio indirizzo IP e le attività in rete, quando si effettua una connessione.  

  1. Fare periodici backup

Non perdere i dati aziendali è essenziale. A intervalli di tempo regolari bisogna svolgere attività di backup a seconda della mole di dati che via via si accumula. Perché è necessario compiere periodici backup? La ragione sta nel rischio di enormi rallentamenti del lavoro nel caso in cui tutti gli archivi di un’azienda venissero eliminati o congelati da un attacco informatico. 

  1. Aggiornare il sistema

Gli upgrade migliorano le performance dei software e delle applicazioni. Le versioni più recenti sono più sicure e affidabili delle precedenti. Per questo motivo è sempre bene tenere aggiornati i propri dispositivi. 

  1. Predisporre un firewall

Il firewall è un sistema di sicurezza che blocca gli accessi non autorizzati. Il suo compito consiste nel monitorare il traffico in entrata e in uscita da un dispositivo. Riesce a evitare intrusioni indesiderate ed è in grado anche di impedire la connessione a siti potenzialmente pericolosi. 

  1. Informarsi sulla sicurezza informatica

Conoscere i pericoli della rete è un modo efficace per proteggere i propri dispositivi. Imparare ad esempio a riconoscere link ingannevoli è un ottimo sistema per sventare attività malevoli di phishing. Utilizzare password alfanumeriche molto complesse è altresì importante per evitare che informazioni private finiscano nelle mani di criminali informatici.

La conoscenza dei rischi è già un modo per evitarli.

Fonte immagine: it.depositphotos.com

Categorie