Come avere un posizionamento organico garantito nel 2021?

  • Diego Gualdoni

image from Come avere un posizionamento organico garantito nel 2021?

Parlare di posizionamento organico garantito nel 2021 può sembrare una cosa complessa: soprattutto agli occhi di chi conosce un poco la materia SEO e ci ha già sbattuto la testa senza successo in passato. 

Eppure è possibile.

Come funziona il posizionamento organico

Prima di tutto, per i non addetti ai lavori, per chi per la prima volta si approccia al tema del posizionamento sui motori di ricerca e magari ha un sito o deve creare un sito per la sua azienda, ecco una piccola spiegazione introduttiva.

Per posizionamento organico si intende il posizionamento che ottieni sul motore di ricerca al netto di campagne pubblicitarie a pagamento. Organico indica quindi il posizionamento “naturale” del sito, quello più a lungo termine, rispetto ad una campagna di pubblicità a pagamento che ti può effettivamente portare subito nel primo risultato di Google per il tuo target ma che sparisce appena smetti di pagare la campagna.

Per assegnare il posizionamento organico ad un sito il motore di ricerca (e per brevità parliamo di Google, che è il motore di ricerca per antonomasia con al momento oltre l’86% delle ricerche a livello mondiale) si affida a degli algoritmi intelligenti che scansionano la rete continuamente e danno valutazioni in base a centinaia di valori diversi.

Parliamo, per Google, di almeno 200 fattori di posizionamento che poi a volte differiscono da caso a caso: molti esperti SEO a volte si trovano davanti situazioni paradossali in cui la stessa cosa ha effetti diversi, segno che il modo in cui fattori influenzano il posizionamento è legato anche a come questi fattori si intersecano tra di loro.

Il posizionamento organico, dopo questa breve spiegazione può sembrare una missione impossibile.

Può sembrare ancora più impossibile se aggiungiamo il dato che i 200 fattori non sono pubblici: alcuni sono stati spiegati pubblicamente da esponenti di Google, altri sono verificati e divulgati da esperti SEO che li hanno scoperti sul campo, ma altri sono ignoti e fumosi.

Come avere quindi un Posizionamento Organico Garantito?

Come avere quindi un Posizionamento Organico Garantito?
Per ottenere un posizionamento garantito è necessaria una strategia che comprenda contenuti, backlini e esperienza utente

Posizionare un sito nella SERP (in gergo tecnico è il nome della pagina dei risultati di Google) con un posizionamento decente che non sia nella pagina 100 dei risultati di ricerca richiede prestare attenzione a dei fattori principali che sono:

  • contenuti
  • link
  • performance del sito ed esperienza utente

Questi tre fattori riassumono un poco quelle che sono le intenzioni del motore di ricerca quando assegna un posizionamento e cioè fornire all’utente pagine che rispondano concretamente alle sue ricerche.

Immaginati il duro lavoro del motore di ricerca: organizzare le milioni di pagine web che vengono create ogni minuti e dare loro un senso rispetto alle ricerche degli utenti.

Il minimo che può fare chi crea pagine web, cioè chiunque abbia un sito, è cercare di favorire questo lavoro seguendo le regole che il motore di ricerca si è dato.

Ad esempio, in questo istante proviamo a pensare a quante pagine web si stanno generando per un semplice oggetto come le scarpe: siti che vendono scarpe, siti di influencer che indossano scarpe, pagine facebook, video di youtube, contenuti su instagram, pagine di recensioni di negozi di scarpe o aziende di scarpe, artigiani che fanno scarpe… tutto questo caos deve essere ordinato in modo che quando tu cerchi “scarpe per giocare a calcio” il motore di ricerca non ti mostri per primo pagine con scarpe per andare a cavallo o il sito di un artigiano che fa scarpe eleganti in pelle ma ti mostri proprio e direttamente un sito con le scarpe da calcio!

I tre fattori principali seguono proprio queste intenzioni: dando all’utente un buon risultato ed evitando frustrazione per risultati sbagliati il motore di ricerca si conquista un utente fedele che continua ad usarlo. 

Ecco spiegato come mai Google è il motore più usato al mondo.

Vediamo nel dettaglio i fattori principali per il posizionamento organico.

Contenuti

Senza i contenuti il sito è come una scatola vuota. Non si capisce cosa c’è dentro.

Il contenuto guida l’utente e gli fa capire chi sei, cosa fai e cosa vorresti che facciano sul tuo sito.

Ogni immagine, parola in un testo, video o allegato è un contenuto.

Il contenuto più importante è il testo: il testo spiega, informa, educa, chiarisce.

Nell’esempio di prima la ricerca “scarpe da calcio” avrà bisogno di pagine che oltre a mettere foto di scarpe da calcio spiegano che scarpa da calcio è, che caratteristiche e vantaggi ha.

Posizionameno Grantito e contenuto
I contenuti di qualità sono un pilastro di una strategia di posizionamento garantito di successo

Il testo qui può fare tutta la differenza del mondo: l’utente che scrive “scarpa da calcio” molto probabilmente sta cercando un sito dove comprarla e quindi si aspetta di trovare delle schede prodotto.

L’utente che scrive “differenza tra scarpa da calcio X e scarpa da calcio Y” invece sta cercando una recensione, sta cercando una pagina che gli spieghi bene che differenza c’è tra un modello e l’altro e forse tra una marca e un’altra.

Quindi il contenuto testuale deve essere pensato in base alla domanda alla quale vorremmo rispondere.

Le immagini ovviamente sono importanti: il motore di ricerca si aspetta immagini a corredo che completino il testo e che offrano maggiori dettagli. Dal punto di vista umano poi le immagini comunicano con il lato istintivo della mente, aiutando l’occhio a rimanere focalizzato e agevolando la lettura.

Link

I link servono a organizzare l’informazione. Senza i link internet sarebbe come un mondo in cui tutti hanno il telefono ma nessuno ha un numero da dare per farsi chiamare. Il link crea l’architettura del web.

Sui link ci sarebbe molto da dire ma senza entrare troppo nel dettaglio diciamo subito che i link possono essere in entrata e in uscita su una pagina web.

Il link in uscita dimostra al motore di ricerca che chi ha creato quella pagina sta facendo uno sforzo per completare l’informazione. Ad esempio in questo articolo introduttivo sul posizionamento organico io possono mettere un link qui ad un articolo più avanzato per chi vuole saperne di più. Il link può essere verso un altro sito o verso lo stesso sito: l’obiettivo è quello di dare un completamento alle informazioni. Siti con una buona organizzazione di link interni si posizionano in generale meglio di siti le cui pagine sono isolate tra di loro.

Posizionameno Grantito e Backlink
I backlink sono ancora importanti per ottenere un posizionamento garantito? La risposta è sì.

I link in entrata invece dimostrano al motore di ricerca che qualcuno valuta la tua pagina interessante per completare informazioni su altre pagine e quindi meritevole di essere collegato.

Questo però non significa che basta raccogliere link in entrata a caso: se io ho un sito di scarpe e ricevo link da un sito che vende biscotti non c’è nessun nesso tra i due e il motore di ricerca comprende che quel link è stato messo in modo forzato e non gli da nessun valore (anche può penalizzare), mentre il sito di scarpe può ricevere link da un atleta che sul sito dice di aver comprato le scarpe li, o di una persona che ha fatto recensioni a un modello di scarpe presente su quel sito. 

In questo modo il link in entrata ha senso.

Google assegna un valore specifico ad ogni sito dando loro più o meno autorità: in questo modo ci sono siti più autorevoli i cui link valgono di più.

Ricevere 100 link da 100 siti appena creati può valere meno ai fini del posizionamento che ricevere 2 link da due siti considerati autorevoli da Google.

Performance e Esperienza dell’utente

L’attenzione delle persone sul web è sempre in diminuzione: è difficile tenere un utente concentrato su un sito. 

Per Google se il tuo sito riesce a catturare ricerche in modo organico non è abbastanza per tenere un buon posizionamento: il tuo sito deve essere capace di tenersi gli utenti che arrivano dalle ricerche.

Il motore di ricerca, attraverso il Rank Brain, cerca di comprendere le intenzioni degli essere umani e capire come questi interagiscono con i risultati di ricerca. 

Posizionamento Garantito ed Esperienza Utente
Posizionamento Garantito ed Esperienza Utente: l'utente al centro di tutto

A questo proposito ci sono già delle considerazioni che il motore di ricerca fa a priori sul sito che sono legate:

  • alla velocità: può essere legata ai software e plugin presenti sul sito, a file video e immagini pesanti caricati, può essere causata dal tuo hosting che non ha dei buoni server…
  • al modo in cui il sito si visualizza: il sito non si adatta bene a diversi schermi, il sito ha dei blocchi di testo lunghissimi senza paragrafi, con frasi senza senso, copiature…

E ovviamente ci sono le considerazioni a posteriori

 cioè quello che effettivamente fanno le persone sul sito.

Se la maggioranza degli utenti arrivano su una pagina e la abbandonano immediatamente per il motore di ricerca quella pagina ha dei problemi. Non soddisfa determinate ricerche, è scomoda e fastidiosa da leggere, è fuorviante, offensiva, spam… qualsiasi di questi casi, il motore di ricerca non ti darà un buon posizionamento organico.

Se invece il tuo sito è una calamita per gli utenti che rimangono sul sito e che visitano altre pagine allora puoi essere certo che l’esperienza utente e le performance sul sito ottime e che questo ti darà un buon posizionamento.

Come NON avere un posizionamento organico garantito nel 2021

Se è vero che ci sono molte cose da fare per migliorare il proprio posizionamento organico sui motori di ricerca c’è anche una lunga lista di cose da NON fare.

C’è chi è convinto infatti che per posizionarsi in alto nella SERP bisogna “fregare” il motore di ricerca, non avendo compreso che in realtà l’obiettivo non è lavorare per Google ma per le persone che lo utilizzano. Questo spiega ad esempio come mai ci sono siti che senza aver mai avuto un esperto dietro si posizionano benissimo perché realizzati con cura e nel rispetto dell’esperienza utente e delle aspettative di specifiche nicchie di persone.

Sicuramente possiamo dire che cose come:

  • ripetizione ossessiva di frasi chiave e parole chiave anche a scapito del senso compiuto del testo
  • nascondere ulteriori parole chiave in modo invisibile (ad esempio con lo stesso colore dello sfondo)
  • acquisto di link in entrata senza nessun criterio di qualità
  • link posizionati in modo ripetitivo o senza connessione con il testo intorno
  • riciclare lo stesso articolo più volte parafrasandolo per farlo sembrare articoli diversi (in gergo tecnico si chiamava article spinning)

Non servono ed anzi fanno male al tuo posizionamento.

Una volta per posizionare un sito, diciamo 10 anni fa, bastava un buon seo copywriting con tante parole chiave e qualche link. Oggi le cose sono cambiate e seguire queste vecchie pratiche non sono più utili, anzi sono dannose. 

E’ possibile che ci siano ancora in giro siti ottimizzati in quel modo anni fa che sono ancora ben posizionati, ma questo non significa che quelle tecniche siano da imitare, significa solo che negli anni il sito si è saputo comunque mantenere il posizionamento conquistato nonostante gli aggiornamenti perché insieme alle tecniche spammose e retrò continua però a fornire contenuti utili agli utenti e risposte alle loro domande.

A chi rivolgersi o dove imparare l’arte del posizionamento organico?

Non si diventa esperti di SEO in un giorno e nemmeno in una settimana: bisogna studiare ma anche applicarsi e fare tanta pratica. Nella SEO infatti, vista l’infinità di variabili in campo, ogni giorno si presenta una situazione nuova e se il tuo sito è legato alla tua azienda e ad investimenti, lasciare tutto al caso può essere rischioso.

Noi di Webhosting.it abbiamo una lunghissima esperienza nella SEO ed abbiamo garantito un buon posizionamento organico a centinaia di siti ed eCommerce tramite i nostri servizi seo.

Un buon posizionamento su Google può significare aumentare i tuoi fatturati: perchè non farlo subito?

Contattaci per ricevere una nostra consulenza gratuita per valutare insieme come posizionare il tuo sito in modo organico.

Ti invieremo un report frutto della nostra esperienza decennale spiegata non in modo confuso e teorico, ma con consigli semplici, comprensibili e facilmente applicabili da subito.

Non diventerai un esperto di SEO ma sicuramente saprai dove iniziare a mettere mano per assicurarti che il tuo sito sia nelle condizioni migliori per garantirsi un buon posizionamento organico!

Categorie